Coltini, pensare ai lettori dall’inizio

I lettori adulti di oggi sono i bambini di ieri, va da sé che se vogliamo investire nella lettura è necessario partire dai più piccoli. Difficile convincere qualcuno a comprare e leggere libri se non è abituato a farlo. È il motivo per cui, dal mio personale punto di vista, la cultura va assimilata all’educazione, in tutto e per tutto. A parte questo, se ne sono accorti – da tempo – soprattutto i librai, che dedicano a bambini e ragazzi molte iniziative. È il caso di Colti, il consorzio torinese delle librerie indipendenti di Torino, che dopo il «rilancio», con un nuovo assetto, un nuovo sito web e un nuovo programma di appuntamenti, ora crea un progetto dedicato ai più piccoli.

Pariamo di «Coltini», che nascerà ufficialmente il 28 maggio, in occasione della Giornata mondiale del Gioco. Ci saranno suggerimenti di lettura, con un lavoro bibliografico suddiviso per fasce di età (in vista dell’estate) e altre novità. C’è anche una nuova pagina Facebook dedicata. Non sono i primi a promuovere iniziative di questo tipo e non saranno nemmeno gli ultimi, ma è sempre positivo che ci si ricordi dei «piccoli» lettori.

Di seguito il comunicato stampa che racconta l’iniziativa.

Si parla molto della penuria di lettori, in Italia più che mai. Noi crediamo fortemente che lettori non si nasca, si diventi: “chi ben comincia è a metà dell’opera”, si diceva. La nostra mission è quella di pungere la curiosità dei più piccoli e dare loro, ai loro insegnanti, genitori, nonni, educatori, gli stimoli giusti per iniziare insieme un cammino di letture e di iniziative legate ai libri.

Come primo passo abbiamo deciso di fare ciò che ci riesce meglio: suggerire libri. Abbiamo creato una bibliografia ragionata con consigli di lettura per l’estate, suddivisa per età ma trasversale, accessibile ad ogni tipologia di lettore ed incentrata soprattutto sulla narrativa pubblicata in Italia negli ultimi due anni. L’idea controtendenza è di non diffondere la bibliografia online, ma di far venire bambini e ragazzi in libreria: la lista di titoli sarà stampata su carta e verrà regalata a tutti coloro che ne faranno richiesta nelle librerie del Consorzio aderenti al progetto.

Non siamo anacronistici e crediamo molto nel potere di diffusione della rete, ma sappiamo anche quanto sia importante provare il gusto di entrare e stare in libreria, toccare i libri con mano e relazionarsi con i librai e con gli altri lettori per appassionanti scambi di vedute. Naturalmente anche chi, per motivi di distanza, non potrà recarsi fisicamente nelle librerie coinvolte, potrà richiedere le nostre bibliografie e riceverle a casa. Per il prossimo autunno abbiamo anche in mente di proporre una reading challenge per rendere ancora più divertente e stimolante il gioco della lettura.

Il progetto bibliografico è il primo di una lunga serie, un appuntamento fisso che farà da filo conduttore a tutte le altre attività che progetteremo in futuro: un’idea nata in un tempo difficile, in cui è stato impossibile programmare eventi in presenza, incontri che stiamo immaginando e costruendo e ci auguriamo davvero di poterli rendere attivi il prima possibile; per ora leggiamo molto e proviamo a far venir voglia di leggere.

La nostra è una realtà che agisce sul territorio, sulle librerie di quartiere, le biblioteche, le scuole, la filiera del libro e le case di ogni singolo piccolo lettore, e come librai abbiamo l’ulteriore obiettivo di creare un rapporto vivo tra chi i libri li legge, chi li vende e chi li fa: è un procedimento complesso e ricco di figure professionali che spesso rimangono nell’ombra ma che possono relazionare proprio in occasioni come questa: per la nascita di Coltini abbiamo chiesto agli editori e agli uffici stampa di darci una mano con il passa parola e di regalare al progetto dei gadget che verranno donati ai lettori quando verranno in libreria.

Soprattutto, abbiamo chiesto a illustratori e scrittori di regalarci una loro opera che raccontasse Coltini, ritraendo l’atto di leggere attraverso un’illustrazione – per chi disegna – o un haiku, per chi scrive.

Illustrazioni e haiku che raccontano bimbi e ragazzi che leggono, fatti e scritti con stili e tratti diversissimi, animeranno le nostre pagine social per diffondere il debutto in società di Coltini. Le opere verranno raccolte in una mostra gratuita che sarà visitabile negli spazi del Consorzio durante il prossimo Salone Internazionale del Libro di Torino e diventerà poi una mostra itinerante per le librerie della città.

Illustratori e scrittori sono l’anima dell’editoria per ragazzi e non solo: ringraziamo tutte le penne, i pennelli, i computer e le matite amiche delle librerie del Consorzio per i loro regali preziosi.

Potere ai piccoli, dunque. Ci vediamo in libreria!

Per info e curiosità scrivici pure a coltinilibrerie@gmail.com